lunedì 14 marzo 2011

Menù per un picnic


Con questo post partecipo al contest del blog
Primavera è anche tempo di picnic

Il tema da affrontare è quello del picnic, per gli amanti del genere, non solo per loro, è sempre un'esperienza piacevole, ma io vorrei ricordare un po' di galateo anche per il picnic, anche se si tratta di un bon-ton piacevole e disinvolto. Assistiamo tutti, molto spesso, ai resti dei picnic, per cui a tutela della natura che ci ospita, vorrei dare Quattro regolette.
La prima: poco e bene.
Non si tratta di patire la fame e la sete, anzi, ma è inutile caricarsi di cibi e bevande come se si trattasse di attraversare il deserto.
La seconda: no ai cibi super piccanti che, dopo poco tempo, rendono tutti nervosi ed assetati.
La terza: si alle buone cose nutrienti e golose presentate con garbo, in modo che siano facilmente maneggevoli.
La quarta: non troppe bevande gassate, ma sempre, frutta fresca e un buon thermos di tè caldo magari profumato al limone. Anche chi muore di caldo, anche chi dice no perchè il te non lo beve mai, si ricrederà subito. Basta così? Certamente, a patto che nessuno lasci a casa buonumore spirito di adattamento e un buon contenitore che, al ritorno, sarà prezioso per riporre tutto, ma proprio tutto l’usato.


 Un menù semplice  semplice  per 4 persone




Crépes speciali
                                                                                    

                                                                                       
Linguine capricciose




Per le frittate non fritte
8 uova, quattro piccole zucchine, 60 g di parmigiano reggiano grattugiato, noce moscata, 30 g d'olio extravergine d'oliva, sale, asparagi, pomodorini, mozzarelle appassite.
Procedimento:
Mondate le zucchine e tagliatele a fettine rotonde molto sottili. Rompete le quattro uova in una ciotola unite un po' di sale, noce moscata grattugiata, 30 g. di parmigiano reggiano; battete il composto con una forchetta quanto basta a mescolare gli albumi con i tuorli. Incorporate le zucchine. Ungete con un po' d'olio una tortiera antiaderente del diametro di circa 20 cm, versatevi il composto e mettete in forno preriscaldato a 200°;
Appena la frittata comincia a consolidarsi, spegnete, lasciando nel forno il recipiente in modo che la frittata possa addensarsi bene, senza tuttavia diventare troppo secca.
Sbattete le uova rimaste mescolandovi un po' di sale, il parmigiano rimasto, e gli asparagi. Cuocete il composto nel modo indicato prima.
Suggerimenti per il picnic: preparate le frittate nel modo indicato, tagliatele a spicchi, avvolgetele con un foglio d'alluminio e conservatele nella parte meno fredda del frigorifero. Sistematele in una borsa termica. A parte portate con voi dei pomodorini da tagliare al momento con della mozzarella. Al momento di servire guarnite le frittate con i pomodorini e la mozzarella tagliati al momento.

Crépes speciali:
Ingredienti: 160 g di farina bianca, quattro uova, mezzo litro di latte 30 g d'olio d'oliva 300 g circa di burro, 80 g di prosciutto cotto, un vasetto di pesto al basilico, olive verdi farcite con peperone, sale.
Preparazione e cottura:
Per le crépes procedete come al solito.
Per il ripieno lavorate 120 g di burro e incorporatevi due cucchiaiate di pesto, a parte frullate il prosciutto cotto e mescolatelo a 150 g di burro. Spalmate una crépe con un po' di burro al pesto, facendo uno strato sottile.
Sopra mettete un'altra crépe che spalmerete con un po' di burro al prosciutto. Avvolgete su se stesse le due crépe, poi richiudetele in un foglio di alluminio ben stretto, chiuse ai lati come a formare una caramella. Allo stesso modo preparate gli altri involtini. Metteteli poi in frigoriferi per circa due ore. Scartate gli involtini e tagliateli a fettine. Infilate in uno stecco due spirali di crépe e mettete alla sommità un’oliva.
Suggerimenti per il picnic: mettete gli stuzzichini nel frigorifero, in un contenitore, facendo diversi strati e sistemando, fra uno strato e l'altro, un foglio di alluminio. Per trasportarli, mettete il contenitore in una borsa termica.

Linguine capricciose
300 g di linguine, 200 g di polpa di vitello, 80 g di mortadella, 50 g di prosciutto crudo, un uovo, 80 g di parmigiano reggiano, pane grattugiato, olio di semi d'arachide, aceto balsamico di Modena, 80 g di olio extravergine d'oliva, quattro piccole zucchine, una carota e un po' di pesto al basilico.
Preparazione.
Macinate la polpa di vitello insieme alla mortadella e al prosciutto. Mettete il composto in una ciotola. Unite un uovo, un po' di sale 40 g di parmigiano reggiano grattugiato. Mescolate bene, formate delle polpettine che passerete via via nel pane grattugiato. Friggetele in abbondante olio di semi d'arachide, poi metteteli in una ciotola e conditele con l'olio extravergine d'oliva cui avrete mescolato una cucchiaiata d'aceto balsamico. Mondate le zucchine e la carota tagliata a Julien sottile, con l'apposito attrezzo. Cuocete le linguine in abbondante acqua salata. Scolatele al dente lasciatele nello scolapasta, passatele sotto l'acqua corrente. Mettetele nel recipiente da portata, unite le polpettine con l'olio e l'aceto, un po' di sale, le verdure preparate prima e due cucchiaiate di pesto al basilico. Mescolate bene. Guarnite il piatto con il parmigiano reggiano tagliato a lamelle.
Suggerimenti per il picnic: mettete le linguine già condite in un contenitore e sistematelo nel frigorifero. Per trasportarlo mettete il contenitore stesso in una borsa termica. Toglietelo 15 minuti prima di servire la pasta. All'ultimo momento completate con le lamelle di parmigiano reggiano.

Crostata deliziosa.
Ingredienti: per la pasta frolla 270 g di farina bianca, 30 g di maizena, 220 g di zucchero, 170 g di burro, un uovo e cinque tuorli, 50 g di mandorle spellate, mezzo litro di latte, una cucchiaiata di Maraschino, un vasetto di pesche sciroppate, una albicocca sciroppata,  kiwi freschi, un pizzico di sale.
Preparate la pasta frolla o compratela già pronta, spianate la pasta frolla, rivestite la tortiera per la crostata, punzecchiate con i rebbi di una forchetta il fondo, foderate con della carta da forno o con dell'alluminio e riempite con dei fagioli secchi. Mettete nel forno preriscaldato a 180°, dopo 30 minuti togliete la carta e i fagioli e fate cuocere ancora per 15 minuti. Lasciate raffreddare la crostata, poi toglietela dalla tortiera. Mettete lo zucchero in una ciotola mescolatelo alla maizena unite quattro tuorli d'uovo e lavorate il composto sino a quando è ben montato. Incorporate il latte, che avrete già riscaldato. Fate cuocere a fuoco moderato mescolando continuamente sino a quando la crema si sarà addensata. Spegnete, incorporate 20 g di burro, le mandorle tritate finissime e il Maraschino. Lasciate raffreddare. Fate uno strato di crema sul fondo della crostata. Togliete dallo sciroppo le pesche tagliatele a fettine. Disponetele a girandola, sovrapponendole leggermente, sulla crema. Al centro mettete un'albicocca. Sbucciate i kiwi, tagliateli a fettine, poi ricavatene dei triangoli che inserirete tra le pesche e l’albicocca in modo da imitare la corolla di un fiore.
Suggerimenti per il picnic: preparate la costata e riempitela con la crema. Coprite con della pellicola per alimenti, mettetela in frigorifero. In un vasetto a chiusura ermetica sistemate le fettine di pesca già preparate e l'albicocca. Coprite con lo sciroppo delle pesche. Per trasportare la crostata potete utilizzare un contenitore di polistirolo come quello che si adopera per i gelati. 10 minuti prima di servire la crostata decoratala con la frutta sgocciolata e con i kiwi preparati al momento.