giovedì 23 dicembre 2010

Tradizioni della mia città

Il 23 dicembre si celebra una delle tradizioni più sentite nell'animo del popolo lancianese istituita nell'anno 1589 da Mons. Paolo Tasso, decimo Arcivescovo di Lanciano.  


Il 23 dicembre è un giorno speciale per chi è nato e continua a vivere a Lanciano, il dolce e ripetuto rintocco di una campana della torre civica, che suona dalle ore 18,00 alle ore 19,00, ricorda ad ognuno di pregare e perdonare. Tutti tornano nelle proprie case per scambiarsi auguri e regali, in un rituale di pace e di concordia che continua a conservare tutta la caratteristica di un'usanza antica. Secondo la tradizione, la squilla ricorda il viaggio che un arcivescovo di Lanciano, Tasso, compiva ogni anno dal 1588 al 1607, a piedi scalzi dal suo palazzo alla chiesetta dell' Iconicella, distante circa 3 Km, in segno di penitenza e per ricordare il viaggio dei pastori verso la grotta di Betlemme; molti fedeli lo accompagnavano per ascoltare la sua breve predica di pace. Durante il pellegrinaggio la campanella suonava senza mai fermarsi, si fermava soltanto al rientro del vescovo nel suo palazzo. Per i lancianesi la campanella della squilla è il simbolo ed il rito del Natale in tutto il suo complesso significato. Nonostante gli innumerevoli cambiamenti rispetto al passato, questa tradizione non è ancora scomparsa e la sera dell'antivigilia di Natale la campana fa ancora sentire i suoi rintocchi e apre le feste natalizie. Il ventitré dicembre 1984 si è svolta la prima riedizione di tale consuetudine; ora ogni anno si può assistere al pellegrinaggio dal centro città alla chiesetta dell'Iconicella. Ciascun fedele porta in mano una candela, le fiammelle delle decine e decine di candele illuminano il corteo che avanza avendo come sottofondo il suono della magica campana. Chi non partecipa al corteo può accendere una candela nella propria abitazione. La Squilla si potrebbe definire come la festa della famiglia a Lanciano e forse in nessun altro giorno dell'anno il legame familiare è cosi tenacemente sentito; la campanella è il segno della pace.


Due poesie, una del poeta Cesare Fagiani e l'altra di Luigi Brasile trattano entrambe di questo rito prenatalizio, sentimento comune a queste due poesie è la nostalgia: dell'infanzia e dei suoi ricordi per il Fagiani, dell'infanzia e del suono stesso della campanella per il Brasile, il sentimento della nostalgia, del rimpianto della fanciullezza, è il "leit motiv" ispiratore di entrambe le poesie. La motivazione più profonda che fa perpetuare l'usanza dell'intimità delle proprie famiglie è per tutti, il ricordo e l'illusione sia pure per un attimo di ritornare bambini(1).
La Squije di Natale 


La Squije di Natale dure n'ora

eppure quanta bbene ti sumente!

Tè na vucetta fine, e gna li sente
pure lu lancianese che sta fore!



Ti vùsciche di botte entr'a lu core

nu monne ch'à passate, entr'à la mente

ti squaije nu penzere malamente
nche nu ndu-lin-da-li che sa d'amore.



Ve da na campanelle chiù cumune

eppure ti rifà gne nu quatrale,

ti fa pregà di core,'n ginucchiune.



Ugne matine sone ma nen vale

la voce de lu ciele, pé ugnune,

chi sa pecché! ... le té sole a Natale!







La gente si inginocchia e recita orazioni. Attenti, che quella è l'ora in cui la Madonna giunge a Betlemme. Ci sono lacrime di tenerezza e lacrime di dolore, lacrime per il ricordo delle persone care che trapassarono! Finite le orazioni, si alzano tutti  i figli baciano la mano ai genitori, al nonno, allo zio, alle zie, e: -Buon Natale, babbo! Buon Natale, mamma! ecc.- E babbo e mamma e zie, ecc., si frugano nelle tasche, donde esce sempre qualche moneta per i buoni figlioli. Qualche ora dopo, i figli e le figlie che si trovano fuori di casa per ragione di matrimonio, tornano alle case paterne a fare gli auguri; a rendere gli omaggi di affetto e di venerazione agli autori dei loro giorni. Simpatica costumanza!(2). Simile ma più precisa nei dettagli è la relazione di Finamore, come è noto di Gessopalena (Ch) ma vissuto a Lanciano dove fu preside del Liceo ginnasio e pubblicò molte sue opere. "... Da un'ora a due notti (6 e 7 p.m.) dell'antivigilia di Natale, in memoria del viaggio della Madonna a Betlemme, suona a disteso della torre civica la campanella, che tutti i giorni, dalle ore 8 alle 8,30 a.m., chiama i canonici ai divini uffizi. Col cominciare della Squilla, cominciano gli spari in tutti i punti della città, e nella campagna; e, incalzando sempre, finiscono, al finire della Squilla, in un protratto e assordante fuoco di fila. Intanto, a misura che l'ora passa, né ritrovi e né negozi gli avventori diradano, le botteghe si chiudono; è un via vai di persone, frettolosamente s'incrociano per essere a casa. Al finire della Squilla, le strade sono deserte; le case popolate. I padri di famiglia ancorché non avessero l'abitudine di rincasare a quell'ora, sono in mezzo a figli; i quali, al cessare della Squilla, annunziato al suono festivo di tutte le campane, dopo una breve orazione recitata in silenzio e in ginocchioni, baciano la mano ai genitori. Lo stesso fanno i servi, augurando il buon Natale, e tutti, successivamente, ricevono le mance, per lo più, in danaro. Nel tempo stesso, gli sposi visitano le spose, scambiando regali. Ben diversa è la scena in quelle famiglie nelle quali dura il lutto per la morte di un congiunto avvenuto nell'anno. Anziché liete parole d'auguri, è uno scoppio di pianti, un doloroso richiamo dell'assente. Cosi, nello stesso tempo, dove si trova la voluttà della gioia e dove quella del dolore!. Sia il De Nino che il Finamore scrivono, tra l'800 e il '900. I caratteri comuni delle due relazioni sono: l'ora della Squilla e il suono di tutte le campane della città, la spiegazione della costumanza nell'esigenza di commemorare il viaggio della Madonna a Betlemme, i colpi di fucile, la preghiera ed il ricordo dei morti, il baciamano e la conseguente marcia. Entrambi i folcloristici forniscono una generica spiegazione storica della costumanza, o meglio ne forniscono una religiosa. Settanta anni dopo il Lupinetti lo confermerà con una orazione che molti fedeli lancianesi recitano al risuonare della Squilla:



Ecche. mo si métte 'm-mijagge la Madonna! 
Arrive dopo tante a Betlemme addò nasce Gesù lu Salvatore.
Madonna me, Gesu Criste me
dacce la pace, la salute, la pruvvedenze
a nnù e a tutte la gente.
A tutte li murte, requie e ripose!(4). 





Dal portale della città di Lanciano alla sezione tradizioni 










5 commenti:

  1. Che tradizione meravigliosa, magica!
    Deve essere dolcissimo quel suono ripetuto di campana.
    Bellissime anche le poesie che hai riportato.
    E' proprio vero, il Natale riporta all'infanzia
    Tanti e tanti auguri di un Felice Natale, cara amica!
    Lara

    RispondiElimina
  2. Che magia!!!
    Una tradizione bellissima!!!

    RispondiElimina
  3. ciao bellissima sei fortunata perchè vivi in un posto con vere tradizioni e si capisce che ne sei molto coinvolta in questi luoghi la festa del Natale è molto più sentita queste rimangono sempre le cose più importanti nella vita peccato che ogni tanto ce ne dimentichiamo comunque bravissima e tantissimi Auguri di buone feste!!! un bacio Anna

    RispondiElimina
  4. bellissima questa tradizione, grazie per avermi fatto sentire un po di piu' il natale, un bacio Maria

    RispondiElimina
  5. Anonimo11:28 PM

    Che nostalgia!!!

    RispondiElimina

Felice di averti qui!