giovedì 5 aprile 2012

Giovedì Santo


Anche le condizioni meteo non tradiscono la consuetudine, regolare giornata uggiosa 



A Lanciano questa sera, 05 aprile, alle ore 22.00, c'è la sacra rappresentazione del Giovedì Santo. L'Arciconfraternita di San Filippo Neri rinnoverà la suggestiva Processione degli Incappucciati. Il corteo partirà dalla Chiesa di Santa Chiara, sede della Confraternita, e percorrerà le vie principali del centro storico, illuminate soltanto dal tenue chiarore delle lanterne, posizionate sulle facciate delle case.

I confratelli, vestiti con lunghe tonache nere e medaglioni con simboli di morte, avanzeranno a passo lento, con il volto incappucciato ed in mano delle fiaccole. La consuetudine di sottrarsi ad un atto di riconoscimento pubblico testimonia la vergogna e la penitenza dell'uomo per aver tradito Cristo nella sera dell’ultima cena, dimostrando di vivere nell'intimo della propria anima un atto di penitenza per essersi macchiati di una simile colpa.
La funebre coreografia, di chiara influenza spagnola, sarà accompagnata dal suono mesto della banda, scandita dal ritmo del tamburo e dal roco lamento della battola, arnese di legno che sostituisce solitamente il suono delle campane durante la Settimana Santa.
Questo cammino di sofferenza s’identifica in un unico simbolo rievocativo, rappresentato dalla pesante Croce del calvario portata sulle spalle dal Cireneo, un confratello incappucciato e scalzo, di cui nessuno conosce l'identità, eccetto il Priore.
L’affascinante Processione degli Incappucciati, non vuole essere un elemento esplicitamente scenografico poiché finalizzato ad un duplice scopo: il pio esercizio di visitare i Santi Sepolcri nelle chiese, situate lungo il percorso della processione, e soprattutto, commemorare il doloroso cammino del Signore condotto dinanzi al Sinedrio.
 il video lo trovate a questo indirizzo http://www.tgmax.it/blog/cultura/settimana-santa-gli-incappucciati-a-lanciano/

4 commenti:

  1. Riti e tradizioni che evocano l'antica cultura cristiana del nostro paese (se riscoprissimo alcuni valori, potremmo rompere ogni paura di crisi e guai affini).
    Buona Pasqua.

    RispondiElimina
  2. Hai ragione come sempre, Massimo, il guaio è che quei valori sono sepolti da una valanga di problemi, andrebbero veramente spolverati!
    Buona Pasqua anche a te, Lecoq

    RispondiElimina
  3. un salutino veloce per augurarti una serena pasqua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa! Infiniti auguri anche a te!
      Lecoq

      Elimina

Felice di averti qui!